L’implementazione delle politiche attive per il lavoro rappresenta una risposta comune di tutti gli Stati Membri dell’UE per fronteggiare il problema della disoccupazione. Per meglio comprendere l’importanza di un approccio preventivo e quindi attivo, occorre, in primo luogo differenziarlo dal cosiddetto approccio curativo, quello, cioè delle politiche passive per l’occupazione.

In modo particolare, negli anni passati, nel nostro Paese, ma anche in altri Stati Membri dell’UE, le politiche del mercato del lavoro si sono concentrate, soprattutto sui sistemi di protezione sociale e sui meccanismi di sicurezza contro le perdite del reddito, mettendo in moto un meccanismo che alleviava i danni della disoccupazione per coloro che perdevano il lavoro, ma che tuttavia produceva inevitabilmente una situazione di disoccupazione a lungo termine. In questo modo, le risorse finanziarie erano destinate in maniera predominante, attraverso sussidi, alle politiche passive di sostegno della disoccupazione.

Questa situazione, che rappresenta un elevato costo economico per la società, insieme alla necessità di affrontare i cambiamenti intervenuti nel mercato del lavoro negli ultimi anni, ha determinato una diversa attenzione da parte dell’UE alle politiche per l’occupazione, definita come “questione di interesse comune” nel corso del Consiglio Europeo di Amsterdam, nel giugno 1997, il quale ha visto la nascita della nuova Strategia Europea per l’Occupazione (SEO), all’interno del Trattato di Amsterdam.
In modo particolare, la Strategia europea occupazionale, ha invitato gli Stati Membri a coordinare le loro politiche in materia di lavoro intorno a quattro pilastri d’azione prioritaria (occupabilità, imprenditorialità, adattabilità, pari opportunità).

Dal punto di vista delle politiche attive, la SEO ha rappresentato una vera e propria svolta, perché ha posto come principio politico l’obiettivo della prevenzione e dell’attivazione precoce nelle politiche occupazionali.

Ciò ha determinato un nuovo modo di concepire l’approccio ai problemi della disoccupazione, nella convinzione che le sole politiche passive non permettano di risolvere la disoccupazione in modo definitivo. Il nuovo orientamento delle politiche attive, si basa, invece, sull’importanza di aiutare le persone prima che siano disoccupate o al momento in cui lo diventano, piuttosto che occuparsi delle loro esigenze solo quando sono prive di lavoro per un certo periodo di tempo.

Il Consiglio Europeo Straordinario di Lussemburgo, tenutosi nel novembre 1997, ha sancito definitivamente la Strategia Europea rendendola operativa e dando il via ad una serie di indicazioni per gli Stati Membri al fine di realizzare in ogni Paese un ciclo annuo di programmazione e controllo delle politiche occupazionali, noto come “processo di Lussemburgo”. Questi elementi, nell’insieme, hanno permesso in concreto di avviare in Italia un modo diverso di fare politica per l’impiego, promovendo diversi strumenti, strategie, programmi e soluzioni innovative per attuare una politica preventiva. Sono da richiamare , a questo proposito, la riforma dei Servizi per l’impiego (decreto legislativo 469/97), il primo Piano d’Azione Nazionale per l’occupazione (NAP) del 1998 predisposto secondo i principi del procedimento lussemburghese, l’avvio della programmazione FSE 2000-2006. Questo complesso di strumenti ha determinato e sta pienamente realizzando in questi anni, un nuovo modo concepire le azioni per lo sviluppo occupazionale e sociale, sempre più incentrato sulla dimensione locale e sul concetto di integrazione tra diverse policy e diversi soggetti impegnati a realizzarle.

Nel nostro Paese, le Regioni e le Province, in risposta al principio di decentramento e sussidiarietà, si sono trovate in prima linea nell’intento di realizzare tutta una serie di interventi di politica attiva mirati sempre più su specifici target di popolazione, in special modo quelli indicati come più “deboli”e con maggiori difficoltà di inserimento lavorativo: i giovani, le donne, gli anziani.

La riforma del sistema del collocamento, del sistema della formazione e dell’istruzione, l’introduzione di nuove forme di lavoro flessibili, gli incentivi all’imprenditorialità, sono state misure appositamente pensate per aumentare l’occupabilità, renderla più appetibile per il mondo del lavoro e più adatta ad un mercato in rapida evoluzione.

Contemporaneamente sono state realizzate norme e interventi finalizzati a fornire pari opportunità a ciascun lavoratore di accedere al mercato del lavoro, di prolungarne la permanenza, anche attraverso politiche che permettessero di conciliare meglio vita professionale e vita familiare. Allo stesso tempo, si è posta l’importanza di favorire una serie di meccanismi finalizzati a rendere più immediato, conveniente e trasparente l’incontro tra domanda e offerta di lavoro, nella necessità di prevenire il fenomeno del lavoro sommerso, ancora così incisivo nel nostro Paese, soprattutto nei riguardi delle donne e degli immigrati.

Una grande attenzione è stata posta nei riguardi della domanda di lavoro, del versante delle imprese, intervenendo con riforme ed incentivi al fine di sviluppare una cultura imprenditoriale, di aumentare la possibilità di offrire posti di lavoro, soprattutto nel settore dei sevizi e dell’economia sociale.

Parlare, dunque, di politiche attive significa sottolineare l’importanza dei fondi strutturali e soprattutto del Fondo Sociale Europeo, impegnato a sostenere la Strategia Europea per l’occupazione. In Italia, le Regioni e le Province hanno sfruttato a pieno questa opportunità per programmare attraverso i loro POR, misure apposite per affrontare il rinnovamento delle politiche del lavoro, della formazione e dell’inclusione sociale.

Lo scenario che si prospetta è quindi del tutto nuovo e dinamico, poiché puntare sulle politiche attive rappresenta una sfida, significa prestare maggiore attenzione al mercato del lavoro, coglierne gli aspetti più problematici soprattutto a livello territoriale, per offrire strategie mirate e specialistiche e non più soluzioni uniformi rivolte a platee indifferenziate di disoccupati sull’intero territorio nazionale.

Talentform offre, in questo scenario così articolato, consulenza, studi di fattibilità, partnership sul territorio nazionale, con il fine di cogliere efficacemente le opportunità più confacenti alle esigenze specifiche.


Ultime News

Avviso Fondimpresa n. 5/2017 - Formazione a sostegno dell'innovazione tecnologica di prodotto e/o di processo nelle imprese aderenti Venerdì, 04 Agosto 2017 Avviso Fondimpresa n. 5/2017 - Formazione a sostegno dell'innovazione tecnologica...
Corsi a Catalogo Finanziabili con i Fondi Interprofessionali Corsi a Catalogo Finanziabili con i Fondi Interprofessionali Lunedì, 24 Luglio 2017 Corsi a catalogo finanziabili con i  fondi Interprofessionali  ...
Corsi a Catalogo Finanziabili con i Fondi Interprofessionali Corsi a Catalogo Finanziabili con i Fondi Interprofessionali Lunedì, 24 Luglio 2017 Corsi a catalogo finanziabili con i fondi Interprofessionali Contattaci per...
Nuovi finanziamenti per la diffusione della cultura digitale attraverso la formazione Nuovi finanziamenti per la diffusione della cultura digitale attraverso la formazione Venerdì, 21 Luglio 2017 È stato pubblicato il 20 luglio 2017 l’Avviso 1/2017 di Fondirigenti...
Risultati Piano Formativo Compe.Ter.e Qu.A  “Competitività Territoriale e qualificazione aziendale” Risultati Piano Formativo Compe.Ter.e Qu.A “Competitività Territoriale e qualificazione aziendale” Lunedì, 17 Luglio 2017     Si sono concluse il 16 Giugno scorso le attività...
Ricerca Tirocinante Area Formazione Pescara (PE) Ricerca Tirocinante Area Formazione Pescara (PE) Mercoledì, 05 Luglio 2017   Cerchiamo tirocinante da avviare alla gestione e al monitoraggio...
REGIONE PUGLIA: PASS IMPRESE  VOUCHER FORMATIVI PER LA FORMAZIONE CONTINUA REGIONE PUGLIA: PASS IMPRESE VOUCHER FORMATIVI PER LA FORMAZIONE CONTINUA Lunedì, 19 Giugno 2017     È stata pubblicata nel Bollettino Ufficiale...
FONDIR: AL VIA LA PROGRAMMAZIONE DELLA FORMAZIONE DIRIGENTI PER IL 2017 FONDIR: AL VIA LA PROGRAMMAZIONE DELLA FORMAZIONE DIRIGENTI PER IL 2017 Lunedì, 19 Giugno 2017       Dal 16 giugno 2017 è possibile presentare...
FORMAZIONE FINANZIATA PER PMI E GI: AVVISO 3/2017 FONDIMPRESA FORMAZIONE FINANZIATA PER PMI E GI: AVVISO 3/2017 FONDIMPRESA Mercoledì, 31 Maggio 2017     Con l’Avviso 3/2017 Fondimpresa ha stanziato...
Torno Subito 2017 – Opportunità di formazione e Tirocinio per gli UNDER 35 Torno Subito 2017 – Opportunità di formazione e Tirocinio per gli UNDER 35 Giovedì, 25 Maggio 2017 Torno Subito 2017 – Opportunità di formazione e Tirocinio per...