fbpx

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

Prorogati fino al 16 gennaio 2017 con Atto n. G11756 del 13/10/2016 i termini per la presentazione delle proposte progettuali per Fondo Futuro, il fondo regionale per il microcredito e la microfinanza. Prestiti da 5.000 a 25.000 euro al tasso di interesse dell’1% per sostenere chi vuole aprire un’attività ma non sa come fare perché non hai le garanzie per ottenere un prestito. 

I finanziamenti possono essere finalizzati a sostenere l’autoimpiego, l’avvio di nuove imprese e la realizzazione di un nuovo progetto di sviluppo nell’ambito di iniziative esistenti ubicate sul territorio regionale

Sono ammissibili i soggetti con difficoltà di accesso al credito bancario ordinario che rientrano nelle seguenti categorie: 

microimprese, in forma di società cooperative, società di persone e ditte individuali, costituite e già operanti, ovvero in fase di avvio di impresa che abbiano o intendano aprire sede operativa nella regione Lazio; 

soggetti titolari di partita IVA, anche non iscritti ad albi professionali, con domicilio fiscale nella regione Lazio 

Sono escluse le società di capitali e i soggetti che negli ultimi cinque anni presentino “anomalie bancarie” che saranno puntualmente elencate nell’Avviso (ad esempio: fallimento, bancarotta, …).

Nell’ambito delle risorse finanziarie disponibili sono costituite delle riserve finanziarie, in misura pari a 5 milioni ciascuna, dedicate ai soggetti prioritari di seguito indicati: 

a) soggetti che abbiano età inferiore ai 35 anni non compiuti o superiore ai 50 anni compiuti; 

b) soggetti che abbiano reddito non superiore alla seconda fascia ISEE deliberata dall’INPS; 

c) soggetti che abbiano partecipato alle iniziative regionali “torno subito”, “in studio” e “coworking”; 

d) i lavoratori svantaggiati, definiti dall’articolo 2 del Regolamento UE 651/2014. 

Pin It