fbpx

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

presentato in ATI per le regioni Lazio ed Abruzzo dall’Ente Attuatore Talentform Spa e Talentraining Srl sull’Avviso n. 3/2018  Ambito II Settoriale, di reti e di filiere produttive, prima scadenza – di Fondimpresa in data 22/01/2019 
 
Il presente Piano Formativo “QU.I.D. - Qualificazione e innovazione per la digitalizzazione”, che, per quanto attiene la quota dei suddetti enti, coinvolge aziende localizzate nella Regione Lazio ed Abruzzo, vedrà l’avvio delle attività formative in data 16 ottobre 2019 e coinvolgerà 18 aziende e 97 lavoratori e verranno erogate 1144 ore di formazione aggregate intorno a 3 aree tematiche così intese: 

Il presente Piano Formativo S.T.A.R.T. - Skills & Transformations Across Research & Training è la naturale continuazione dell’azione formativa intrapresa da Talentform S.p.A. con i precedenti Piani Formativi finanziati sull’Avviso 1/2016 LINK e con il Piano N.EX.T. sull’Avviso 4/2017 I sportello, a favore delle aziende della Regione Lazio. Il Soggetto Proponente considera i lavoratori come un fattore chiave per far crescere le imprese laziali, facendo rafforzare o acquisire loro competenze che possono essere applicate nei propri processi aziendali. 
Le azioni formative verranno avviate nel mese di ottobre 2018 e coinvolgeranno 44 aziende del territorio laziale per un totale di 1280 ore di formazione inerenti le tematiche Contabilità e Finanza, Gestione Aziendale – Amministrazione, Abilità personali, Qualità, Marketing e Vendite, Lingue e Informatica.
L’Obiettivo Generale del Piano S.T.A.R.T. è fornire alle imprese strumenti e competenze che consenta loro di poter essere protagonisti della ripresa e diventare importanti attori nel mercato internazionale. 
 
 
 

L’OBIETTIVO GENERALE del Piano NEXT è di supportare le piccole e medie imprese nell’affrontare le dinamiche che oggi governano il mondo globale e, costantemente, lo modificano su un piano sia locale che internazionale. Negli ultimi anni la necessità di rispondere ai mutamenti degli equilibri economici internazionali e l’esigenza di individuare percorsi di uscita dalla crisi economica avviata nel 2007, hanno reso indispensabile pensare a possibili percorsi di riorganizzazione dei settori produttivi. Visto il contesto laziale, è possibile identificare due punti  da cui partire: 
la crescita dimensionale delle imprese che può passare per una politica di incentivi all’internazionalizzazione, alla progressiva aggregazione, alla apertura alla cultura manageriale e a cogliere le opportunità del mercato unico;
l’innovazione e la diffusione di conoscenze, con una concentrazione sulle tecnologie e su quei settori che possano produrre un trasferimento tecnologico all’interno di reti o cluster che possano partecipare alle catene globali del valore.  
Il piano presentato ha pertanto sviluppato le seguenti aree tematiche in risposta alle esigenze formative delle imprese coinvolte:
 
 
RISULTATI DEL PIANO
 
74 imprese coinvolte (99,98% delle imprese beneficiarie appartenenti alla classificazione di PMI)
3 province laziali coinvolte
Circa 387 lavoratori beneficiari della formazione
146 azioni formative, per un totale di 2344 ore di formazione erogate distribuite come segue:
 
 
I risultati del progetto dimostrano la capacità dello stesso di rispondere ad una esigenza di crescita trasversale e personale delle risorse umane, come vettore di miglioramento del clima aziendale e della produttività concretizzando il necessario aggiornamento del personale coinvolto nelle competenze trasversali e personali.
Il progetto soddisfa l’esigenza dell’azienda di fare in modo che gli interventi fatti abbiano effetti a lungo termine, e che si venga a creare uno spirito di unità e di gruppo tra il personale per una suddivisione del lavoro e la gestione del tempo più efficiente e orientato al raggiungimento dei risultati
Con la formazione saranno in grado di migliorare i risultati aziendali e la soddisfazione dei clienti e dei collaboratori, mantenere sempre alta la motivazione e l’energia del gruppo di lavoro anche in momenti difficili o di forte cambiamento.
Il progetto è stato realizzato in collaborazione con l’Istituto Ce.R.S.I.Te.S, Centro di Ricerca e Servizi per L’Innovazione Tecnologica Sostenibile coinvolto per la particolare competenza ed esperienza maturata nei percorsi innovativi legati ad attività afferenti la definizione di metodologie e di modelli di formazione continua. Obiettivo della collaborazione è stato identificare le metodologie più adeguate sulla base delle caratteristiche delle aziende e dei lavoratori beneficiari coinvolti nel progetto con particolare riguardo al coinvolgimento dei referenti scientifici per l’attività di impostazione e validazione delle azioni formative delle aree tematiche del Piano.
 
 

Il piano ha promosso la formazione, in particolare all’interno delle PMI aderenti a Fondimpresa, in merito ad una serie di temi ritenuti di importanza strategica per lo sviluppo della competitività delle imprese. 
La formazione è stata direttamente finalizzata e personalizzata rispetto ai gap di competenze e ai fabbisogni emersi durante la fase di analisi della domanda e rilevazione fabbisogni delle aziende in relazione ai progetti/interventi di sviluppo e riguarda esclusivamente 3 delle aree tematiche previste all’art. 3 dell’Avviso 4/2017, come di seguito schematizzato:
 
 
Questi i numeri del Piano:
65 imprese coinvolte, prevalentemente PMI (96,92% delle imprese beneficiarie della formazione)
4 province abruzzesi coinvolte
305 lavoratori beneficiari della formazione
103 azioni formative, per un totale di 2004 ore di formazione erogate
 
Il  Piano Formativo ha concretizzato i risultati attesi in termini di obiettivi generali ed in particolar modo ha dato pronta risposta alle nuove necessità di apprendimento delle aziende e dei lavoratori, dando loro degli strumenti per poter essere in grado di affrontare le nuove richieste provenienti dalla una lenta ripresa economica, che si sta delineando a livello internazionale e nazionale, mettendo in atto nuove strategie aziendali.
Il piano AQUILA si è rivolto in via prioritaria a PMI con l’intento di contribuire a creare nelle aziende coinvolte una cultura della formazione continua, in una realtà territoriale costituita prevalentemente da piccole e medie aziende e in uno scenario in cui il sistema produttivo regionale deve sviluppare una competitività più moderna e incisiva.
L’ATI ritiene pertanto raggiunti gli obiettivi prefissati in fase di presentazione del Piano in termini di:
l’accrescimento delle potenzialità produttive delle imprese;
l’innovazione dei sistemi di competenze e delle prassi formative nelle imprese coinvolte a livello territoriale, in diversi ambiti produttivi, con metodologie che prevedono l’integrazione tra la formazione teorico-pratica e la formazione on the job
centrando gli obiettivi specifici, riferiti alle 3 aree tematiche scelte per l’attuazione dell’Avviso.
Dalla lettura dei Questionari Anonimi di Gradimento è emerso un quadro di piena soddisfazione da parte dei partecipanti che hanno risposto in maniera attenta e proficua alla proposta formativa dimostrando di aver apprezzato il progetto nella sua totalità e restituendo all’azienda delle professionalità adeguatamente aggiornate e pronte al cambiamento.
La realizzazione del progetto ha visto il significativo coinvolgimento dell’’Istituto d’Istruzione Superiore Alessandro VOLTA, istituto tecnico che rilascia titoli di istruzione secondaria. Il coinvolgimento è motivato dal grande livello di specializzazione di tale istituto nelle tematiche previste dal progetto formativo e dalla particolare conoscenza e competenza nei settori di attività ai quali appartiene una significativa % di aziende beneficiarie del piano formativo AQUILA.
 
 
 

 
Il Piano Formativo SALTO si rivolge alle imprese della Regione LAZIO e fa riferimento allo sviluppo della competitività derivante dalla formazione. Infatti le risorse aziendali coinvolte avranno la possibilità di acquisire e incrementare le competenze utili ad essere applicate nei relativi processi lavorativi. Le azioni formative verranno avviate nel mese di gennaio 2019 e coinvolgeranno 36 aziende del territorio laziale per un totale di 1218 ore di formazione inerenti le tematiche: Gestione Aziendale – Amministrazione, Abilità personali, Contabilità e Finanza, Qualità, Marketing e Vendite, Lingue, Tecniche di Produzione e Informatica.
Obiettivo generale del Piano Formativo è quello di rispondere alle nuove necessità di apprendimento delle aziende e dei lavoratori, dando loro degli strumenti per poter essere in grado di affrontare le nuove richieste provenienti dalla una lenta ripresa economica, che si sta delineando a livello internazionale e nazionale, mettendo in atto le nuove strategie aziendali. 
 

 

 

Benefici e Innovazioni per Organizzazioni Sostenibili
Presentato da Talentform Spa sull’Avviso n. 1/2018 di Fondimpresa in data 12/03/2018
 
Intento principale del presente piano di formazione continua è formare i lavoratori per orientate le imprese del territorio pugliese alla sostenibilità mettendo in luce i BENEFICI che derivano dall'adozione di politiche e ambientali e procedure che rispettino l'ambiente e illustrando quali sono le INNOVAZIONI di prodotto e di processo che possono essere inserite negli specifici settori.
 
Le azioni formative verranno avviate nel mese di Novembre 2018 e coinvolgeranno 19 aziende del territorio pugliese per un totale di 724 ore di formazione inerenti le tematiche Impatto ambientale e Prevenzione e mitigazione del rischio idrogeologico.
 

Il Piano ha coinvolto aziende presenti nella Regione Abruzzo con l’obiettivo di rispondere alle nuove necessità di apprendimento delle aziende e dei lavoratori, dando loro degli strumenti per poter essere in grado di affrontare le nuove richieste provenienti dalla una lenta ripresa economica, che si sta delineando a livello internazionale e nazionale, mettendo in atto le nuove strategie aziendali.

Il piano ha promosso la formazione, in particolare all’interno delle PMI aderenti a Fondimpresa, su una serie di temi ritenuti di importanza strategica per lo sviluppo della competitività delle imprese.
 
 
La formazione è stata direttamente finalizzata e personalizzata rispetto ai gap di competenze e ai fabbisogni emersi durante la fase di analisi della domanda e rilevazione fabbisogni delle aziende in relazione ai progetti/interventi di sviluppo e riguarda esclusivamente 3 delle aree tematiche previste all’art. 3 dell’Avviso 1/2016, come di seguito schematizzato:
 
 
Questi i numeri del Piano:
39 imprese coinvolte, prevalentemente PMI (92,30% delle imprese beneficiarie della formazione)
4 province abruzzesi coinvolte
203 lavoratori beneficiari della formazione
78 azioni formative, per un totale di 1356 ore di formazione erogate
 
I partecipanti hanno risposto in modo molto positivo alla formazione e hanno apprezzato il progetto, come emerso dai questionari anonimi di gradimento. I partecipanti sono adesso dei lavoratori più consapevoli che hanno a disposizione nuovi strumenti in grado di incrementare produttività e qualità del lavoro svolto. L’organizzazione stessa delle aziende coinvolte beneficia degli effetti del Piano, trovando nelle persone che vivono l’azienda delle professionalità adeguatamente aggiornate attori e volani del cambiamento.
 

L’OBIETTIVO GENERALE del Piano LINK è stato modificare l’atteggiamento passivo delle PMI in strategie attive e proattive per una maggiore competitività dell’impresa sui vari mercati.
La formazione è stata direttamente finalizzata e personalizzata rispetto ai gap di competenze e ai fabbisogni emersi durante la fase di analisi della domanda e rilevazione fabbisogni delle aziende in relazione ai progetti/interventi di sviluppo e riguarda esclusivamente 3 delle aree tematiche previste all’art. 3 dell’Avviso 1/2016, come di seguito schematizzato:
 
 
RISULTATI DEL PIANO
 
49 imprese coinvolte (100% delle imprese beneficiarie appartenenti alla classificazione di PMI)
3 province laziali coinvolte
Circa 270 lavoratori beneficiari della formazione
85 azioni formative, per un totale di 1596 ore di formazione erogate distribuite come segue:
 
 
 
 
 

Il presente Piano Formativo AQUILA si rivolge alle imprese della Regione Abruzzo e fa riferimento a “Learning Instruments for Network Keys”, ossia alla definizione di strumenti e metodi rivolti allo sviluppo competitivo delle imprese: la «quarta rivoluzione industriale» promette, grazie alle nuove tecnologie, un salto competitivo dell’industria per la capacità di interconnettere e far dialogare macchinari, persone, dati, clienti lungo l’intera catena del valore. Le azioni formative verranno avviate nel mese di luglio 2018 e coinvolgeranno 62 aziende del territorio abruzzese per un totale di 2004 ore di formazione inerenti le tematiche: Gestione Aziendale, Abilità personali, Contabilità e Finanza, Impatto Ambientale,  Qualità, Marketing e Vendite, Lingue, Tecniche di Produzione e Informatica.

Obiettivo generale del Piano Formativo è quello di rispondere alle nuove necessità di apprendimento delle aziende e dei lavoratori, dando loro degli strumenti per poter essere in grado di affrontare le nuove richieste provenienti dalla una lenta ripresa economica, che si sta delineando a livello internazionale e nazionale, mettendo in atto le nuove strategie aziendali. Il piano AQUILA persegue l’intento di contribuire a creare, nelle aziende coinvolte, una cultura della formazione continua, in una realtà territoriale costituita prevalentemente da piccole e medie aziende e in uno scenario in cui il sistema produttivo regionale deve sviluppare una competitività più moderna e incisiva.

 

 
Il presente Piano Formativo NEXT si rivolge alle imprese della Regione Lazio e fa riferimento alle opportunità che la formazione può portare. I lavoratori infatti possono accrescere o acquisire competenze che possono essere o verranno applicate nello svolgimento delle proprie mansioni cosicché, contemporaneamente, le imprese laziali possano crescere e migliorare i propri processi e i propri servizi.
Le azioni formative verranno avviate nel mese di luglio 2018 e coinvolgeranno 71 aziende del territorio laziale per un totale di 2344 ore di formazione inerenti le tematiche: Gestione Aziendale – Amministrazione, Abilità personali, Qualità, Marketing e Vendite, Lingue, Tecniche di Produzione e Informatica.
L’OBIETTIVO GENERALE del Piano NEXT è modificare l’atteggiamento passivo delle PMI in strategie attive e proattive per una maggiore competitività dell’impresa sui vari mercati. L’obiettivo generale del presente Piano formativo è stato declinato in OBIETTIVI SPECIFICI, riferiti alle 3 aree tematiche scelte per l’attuazione dell’Avviso, e sono stati individuati per ogni obiettivo di piano gli indicatori utili al suo monitoraggio e le imprese aggregabili secondo quell’obiettivo specifico. 
 

Il Piano Formativo TERRA si rivolge alle aziende abruzzesi e pugliesi, sempre più strette fra vincoli normativi, domanda di mercato e consapevolezza maturata, nella convinzione che le attività di pianificazione possano essere la chiave per la mitigazione dei rischi sismici ed idrogeologici e che la progressiva costruzione dello sviluppo sostenibile richieda imprenditori e lavoratori che, non solo conoscano e applichino compiutamente le norme cogenti poste a tutela dell'Ambiente, ma sappiano anche impiegare gli strumenti volontari di miglioramento delle prestazioni ambientali delle imprese e delle organizzazioni.
Le azioni formative verranno avviate nel mese di gennaio 2018 e coinvolgeranno 23 aziende del territorio abruzzese  e pugliese per un totale di 786 ore di formazione inerenti la tematica impatto Ambientale.
Il Piano nasce in relazione alle esigenze formative espresse dalle aziende in materia ambientale, tutte unite dallo stesso obiettivo: rafforzare nelle Imprese i servizi orientatati al rispetto delle risorse ambientali e trasformare i problemi connessi alle criticità ambientali e territoriali in opportunità per l’impresa, per il territorio e la comunità.
Obiettivo generale del Piano Formativo è promuovere azioni volte a favorire una migliore gestione del territorio con la realizzazione di interventi volti alla riduzione del rischio sismico e del rischio idrogeologico ed un miglioramento delle prestazioni ambientali, mediante l’individuazione di risultato di miglioramento continuo, accrescendo la consapevolezza e la cultura ambientale nelle aziende coinvolte. In questo scenario la formazione alla sostenibilità e al rispetto del territorio, assume un ruolo importante nel veicolare le competenze e i valori necessari per innescare un circolo virtuoso di modifica degli atteggiamenti ed una potenziale sfida per la prevenzione di problemi futuri; appare prioritario agire sia a livello strutturale con azioni continue, sia contribuendo alle scelte della politica di impresa per diffondere nuovi comportamenti e nuovi modelli economici e di consumo orientati alla salvaguardia dell’ambiente e alla prevenzione dei rischi.
 
 

Il presente Piano Formativo LINK si rivolge alle imprese della Regione Lazio e fa riferimento a “Learning Instruments for Network Keys”, ossia alla definizione di strumenti e metodi rivolti allo sviluppo competitivo delle imprese: la «quarta rivoluzione industriale» promette, grazie alle nuove tecnologie, un salto competitivo dell’industria per la capacità di interconnettere e far dialogare macchinari, persone, dati, clienti lungo l’intera catena del valore.   
Le azioni formative verranno avviate nel mese di ottobre 2017 e coinvolgeranno 48 aziende del territorio laziale per un totale di 1596 ore di formazione inerenti le tematiche: Gestione Aziendale – Amministrazione, Abilità personali, Qualità, Marketing e Vendite, Lingue, Tecniche di Produzione, Informatica, Lavoro in ufficio e attività di segreteria
L’OBIETTIVO GENERALE del Piano LINK è modificare l’atteggiamento passivo delle PMI in strategie attive e proattive per una maggiore competitività dell’impresa sui vari mercati. L’obiettivo generale del presente Piano formativo è stato declinato in OBIETTIVI SPECIFICI, riferiti alle 3 aree tematiche scelte per l’attuazione dell’Avviso, e sono stati individuati per ogni obiettivo di piano gli indicatori utili al suo monitoraggio e le imprese aggregabili secondo quell’obiettivo specifico.
 

Il presente Piano Formativo AURORA si rivolge alle imprese della Regione Abruzzo che nello specifico hanno manifestato fabbisogni comuni riconducibili alle aree della qualificazione dei processi produttivi e dei prodotti, innovazione dell’organizzazione e internazionalizzazione; gli ambiti formativi identificati per colmare i gap rilevati nelle aziende beneficiarie e per rispondere alle esigenze di sviluppo riguardano in particolare il rafforzamento di competenze inerenti le tecniche di produzione e l’organizzazione del lavoro e, in percentuale minore, azioni formative inerenti il marketing e la contabilità per l’internazionalizzazione. 
 Le azioni formative verranno avviate nel mese di ottobre 2017 e coinvolgeranno 39 aziende del territorio abruzzese per un totale di 1356 ore di formazione inerenti le tematiche: Gestione Aziendale, Contabilità e Finanza, Qualità, Marketing e Vendite, Lingue, Tecniche di Produzione.
Obiettivo generale del Piano Formativo è quello di rispondere alle nuove necessità di apprendimento delle aziende e dei lavoratori, dando loro degli strumenti per poter essere in grado di affrontare le nuove richieste provenienti dalla una lenta ripresa economica, che si sta delineando a livello internazionale e nazionale, mettendo in atto le nuove strategie aziendali. Il piano AURORA si rivolge in via prioritaria a PMI con l’intento di contribuire a creare, nelle aziende coinvolte una cultura della formazione continua, in una realtà territoriale costituita prevalentemente da piccole e medie aziende e in uno scenario in cui il sistema produttivo regionale deve sviluppare una competitività più moderna e incisiva.